381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

 RINNOVARE
IL CONSIGLIO PASTORALE PER GLI AFFARI ECONOMICI

 

Domenica 7 maggio 2017 si svolgeranno le elezioni per il rinnovo del Consiglio Pastorale Parrocchiale e il Consiglio Pastorale per gli Affari Economici in tutte le parrocchie della Zona Pastorale di Alberobello. Ma che cos’è il Consiglio Pastorale Parrocchiale?
A che serve nella Chiesa? Ecco alcune riflessioni in merito preparate dalla Commisione organizzativa delle prossime elezioni.


LA CHIESA È COMUNIONE
«La Chiesa è una comunità di persone salvate da Cristo con una sola condizione: la libertà e la dignità dei figli di Dio; una sola legge: amarci come Cristo ci ha amati; un solo fine: Il Regno di Dio.» (LG 9).
La Chiesa si può paragonare ad una costruzione fatta di persone vive, tutte saldamente unite a Cristo, tenute insieme con vincoli misteriosi dallo Spirito Santo.
È un edificio sempre in costruzione, perché deve crescere continuamente nel cuore di ogni credente e al di là di ogni confine.

ANNUNCIA LA SALVEZZA
«Costituita da Cristo per una comunione di vita, di carità e verità, la Chiesa è pure da lui assunta ad essere strumento della salvezza di tutti e quale luce e sale è inviata a tutto il mondo.»
Cristo ha lasciato ai suoi amici e discepoli un dono e un programma di vita: anche per la nostra comunità:
* la fedeltà all’ascolto della parola di Dio
* la comunione fraterna
* l’Eucarestia
* la preghiera
sono la strada perché si realizzino, nel nome di Cristo, la pace e la concordia tra gli uomini.

NELLA CHIESA TUTTI SONO RESPONSABILI
«Pur essendo molti, siamo un solo corpo in Cristo e siamo membra gli uni degli altri. Abbiamo perciò doni diversi secondo la grazia data a ciascuno di noi». (Rom.12)
«Perché ve ne state qui tutto il giorno oziosi?... Andate anche voi nella mia vigna...» (Mt. 20)
È lo Spirito Santo la forza nascosta che fa dei cristiani una grande casa di pietre vive, una sola famiglia, un popolo. Uno solo costruisce e fa crescere la Chiesa: Dio. Ognuno però, è in essa come una pietra preziosa, che nessuno può sostituire. La conoscenza reciproca, lo spirito di servizio, l’impegno comune per il bene di tutti sono segni di questa crescita: è importante che siano segni visibili.

LA PARROCCHIA
«Inserita nella popolazione di un territorio, la parrocchia è la comunità cristiana che se ne assume la responsabilità. Ha il dovere di * portare l’annuncio della salvezza a tutti coloro che vi risiedono o sono lontani da essa
* farsi carico di tutti i problemi che accompagnano la vita di un popolo... Luogo della comunione tra i credenti segno e strumento della comunione con tutti coloro che credono nei valori dell’uomo.» (CCM. 44)
La Chiesa non è certo un’idea, non è un sogno. Per noi, l’immagine concreta della Chiesa è anzitutto quella della comunità dei battezzati di cui facciamo parte: la nostra Parrocchia.
La sua funzione è, nella realtà locale, la stessa della Chiesa nel mondo.

IL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE
Per realizzare i suoi compiti, ogni parrocchia è chiamata a vivere l’impegno della comunione e della corresponsabilità. È necessario che ci siano segni visibili di questo impegno: a questo scopo sorgono nella Chiesa gli organismi di partecipazione.
Vediamo ora in particolare il Consiglio Pastorale Parrocchiale (CPP) che sarà rinnovato nella nostra
Parrocchia il 7 maggio 2017 p.v.
Esistono norme precise che regolano l’esistenza, funzioni e composizione del CPP: sono prescritte dal Codice di Diritto Canonico e sono richiamate nello Statuto del CPP che il nostro Vescovo ha approvato il 12 marzo del 2017.
A questo statuto devono fare riferimento tutti i CPP che vanno rinnovandosi nella Parrocchia dei santi Cosma e Damiano, nelle parrocchie della zona pastorale di Alberobello e della Diocesi; quindi anche noi ci basiamo su di esso per presentare gli elementi fondamentali del CPP.

CHE COS’È
Il Consiglio Pastorale parrocchiale è:
Segno della realtà della Chiesa: tutti i battezzati, nel rispetto del dono particolare ricevuto da ciascuno e del compito specifico che ognuno deve svolgere nella Comunità, sono uguali nella dignità dei figli di Dio e si impegnano a vivere la comunione con Cristo e tra di loro.
Strumento della comunione attraverso il quale tutti i fedeli possono essere concretamente responsabili della missione comune della Chiesa: annunciare Cristo, salvezza per ogni uomo.

QUALI SONO I COMPITI
Il Consiglio Pastorale Parrocchiale si propone di:
studiare i problemi pastorali della vita della Parrocchia
preparare un programma concreto di azione, che si inserisca nel piano generale di tutta la Diocesi
contribuire ad animare e rinnovare la comunità parrocchiale: ricordiamo che si tratta di un edificio sempre in costruzione.
Il CPP non ha senso in sè, ma esiste e funziona solo come espressione della comunità; perciò dovrà: mantenere e sviluppare il suo rapporto con la comunità, rendere pubblici i suoi lavori e le sue decisioni.

COME È COMPOSTO
Il CPP è composto dal Parroco, dai sacerdoti della parrocchia, dai rappresentanti delle comunità religiose presenti in parrocchia e da laici che rappresentino le diverse realtà della parrocchia.

I MEMBRI LAICI
Sono in numero proporzionale a quello dei parrocchiani - per la nostra parrocchia sono 24 - così distribuiti:
un terzo responsabili e/o rappresentanti di Gruppi, Assoc., ecc.
un terzo eletti dalla Comunità
un terzo scelti dal Parroco.

CHI SONO GLI ELETTORI
Hanno diritto a votare tutti coloro che:
* sono battezzati
* hanno compiuto 16 anni
* sono domiciliati in parrocchia oppure vi operano stabilmente.

IL NUOVO CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE HA VOTATO IL NUOVO CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI
Carucci Paolo e Lisi Liuccia (Cons. Past. Parr.), Simonelli Domenico e Lacatena Franco (nominati dal Parroco) oltre al Parroco e al Vice Parroco.