381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

 

 

La nostra Parrocchia dal 1814 è affidata dal Vescovo alla comunità cristiana di Alberobello.  In due secoli si sono succeduti dieci arcipreti-rettori.

  • 2012 - Don Leonardo Sgobba, nominato parroco il 26 settembre 2012 e ha fatto l'ingresso in  parrocchia il 12 ottobre 2012. E' chiamato a rendere il tempio sempre accogliente, a incrementare la devozione e il culto verso i Santi Patroni e a portare la parrocchia nell'era digitale.
  • 1989 - Mons. don Giovanni B. Martellotta, volitivo, realizzò la chiesa della Madonna della Madia, l’Oratorio per i giovani, migliorò gli ambienti della biblioteca parrocchiale. Nell’anno 2000 il Santuario fu elevato a Basilica Minore.
  • 1954 - Can. Mons. don Giuseppe Contento, (1909-1991), nato a Cernavoda (Romania), visse con la sua famiglia i difficili momenti politici del 1918 e, dopo essere stato profugo in Moldavia e in Ucraina, rientrò in Italia, nel 1921. Dal settembre 1989 non fu più arciprete, ma collaboratore del nuovo arciprete.
  • 1946 - don Battista Mastrangelo,
  • 1942 - don Nicola De Vittorio,
  • 1937 - don Francesco Rotolo,
  • 1890 - don Giuseppe Caramia,
  • 1868 - Mons. don Domenico Morea, prima della nomina, ascese alla direzione del Seminario-Collegio di Conversano che resse per 40 anni. Ottenne un imponente altare, proveniente da Conversano, completò il 1° campanile, inaugurò l’elegante facciata.
  • 1852 - don Vito Antonio Colucci, eletto per concorso a soli 28 anni, provvide ad allungare la crociera della chiesa di 11 metri. Durante il suo incarico con rescritto pontificio Cosma e Damiano vennero riconosciuti Santi protettori.
  • 1814 - don Vito Onofrio Lippolis, sacerdote colto e ricco di virtù. Con la sua elezione la chiesa locale acquistò la sua indipendenza da Noci. Le fabbriche si accrebbero per accogliere la crescente popolazione.