381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

381.ma ed. della Devozione Alberobellese, 1 sett. 2017 - Traslazioni delle Sacre Immagini

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

leprimechiamateLa scena del Vangelo si riallaccia al racconto del battesimo di Gesù. Da qui Egli inizia la sua vita apostolica. Ma non inizia a chiamare persone alla sua sequela. Il Battista gli manda i primi discepoli. Andrea si chiama il primo, l’altro non nominato, è senza dubbio Giovanni, l’evangelista stesso. Gesù che li guarda domanda “cosa cercate” e alla richiesta dei due “dove abiti?” risponde: «Venite e vedrete ». Gesù invita ad andare insieme, senza una previa spiegazione; solo chi va insieme, vedrà. E questo viene confermato: «Andarono insieme, e videro, e restarono ». Restare è in Giovanni la parola dell’essere definitivamente presso Gesù, la parola della fede e dell’amore.

Neppure il terzo discepolo, Simone, viene chiamato, ma viene come trasferito, quasi forzato. Gesù lo fissa con gli occhi: io ti conosco: «Tu sei Simone il figlio di Giovanni ». Ma io ti adopero per qualcos’altro: tu devi chiamarti Cefa, Roccia, Pietro. Nessun invito, una requisizione. Ma si può resistere allo sguardo e alla requisizione di Gesù? La nostra vita donata a lui diventa missione!

Buona Domenica! Don Leonardo